Transistor – Recensione
Voto 80

Transistor è un indie Action RPG a tema Sci-Fi sviluppato e pubblicato da Supergiant Games nel 2014 per PC e PlayStation 4, OS X e Linux, nel 2015 per dispositivi iOS e nel 2018 per Nintendo Switch

  Voto 80 great
Voto 0
Summary rating from user's marks. You can set own marks for this article - just click on stars above and press "Accept".
Accept
  Voto 0.0 bad

Transistor – Recensione

Il transistor delle nostre anime esplode su Nintendo Switch

In un universo cibernetico e dispotico dove tutto è digitalizzato e in continuo movimento, dove la tecnologia regna sovrana assoggettando finanche l’essere umano c’è per fortuna ancora spazio per i sentimenti. A dimostrarlo troveremo Red, una rossa mozzafiato con una voce da angelo che incanta e infonde amore e passione nei cuori degli abitanti di CloudBank, ambientazione di Transistor.

In città la vita corre veloce, le notizie vengono diffuse all’istante e tramite i terminali pubblici sparsi ovunque al cittadino è stata data l’illusione del controllo totale su tutta la sua vita: è possibile esprimere l’opinione su qualunque fatto, ordinare del cibo ovunque tu ti trovi, comunicare con chiunque, cambiare le immagini sui palazzi e perfino decidere il tempo atmosferico per il pomeriggio.

Ma come già accennato questa libertà, questo controllo totale è solo una mera e dorata illusione. Anche la vita di Red a suo modo fa parte del meccanismo, la sua ascesa e le sue performance sono in realtà utilizzati come catalizzatore per l’attenzione delle masse grazie alla sua incantevole voce. Tutti in città la conoscono e tutti l’adorano ma una domanda sorge spontanea: chi tira i fili di questa commedia? Cosa vuole veramente? Per scoprirlo non vi resta che affrontare Transistor, del team indipendente Supergiant Games già autori di Bastion, che dopo Playstation 4, Vita, PC, e dispositivi mobile ora approda anche su Nintendo Switch.

Transistor

Un essenza romantica alla Blade Runner

Transistor è un prodotto di classe con atmosfere da sogno e un gameplay a tema Sci-Fi decisamente ben sviluppato anche se un po’ semplice. Le basi poggiano sul classico con visuale isometrica a movimento libero. Red e la sua compagna fidata Transistor, uno spadone enorme e cybernetico in grado di feature incredibili, dovranno superare livello dopo livello tutti i nemici sconfiggendoli in battaglie hack and slash con quel tocco ispirato di componente RPG.

Infatti la nostra arma ci permette di accedere a uno spazio virtuale prima di ogni scontro che ci permetterà di pianificare la battaglia mossa per mossa. Ogni tipologia di attacco occupa un certo settore della barra in alto e, quando essa è piena, potremo dare il via alle danze. Il tempo per la pianificazione è infinito e ci permetterà di valutare strategie diverse, ma se ci sentiamo abbastanza in gamba potremo procedere anche manualmente senza pianificare nulla. Per le prime battute di gioco ve lo sconsigliamo però, per quanto Red e Transistor formino un duo incredibile, sottovalutare il nemico porterà a prenderle di santa ragione.

Transistor

Un gameplay intelligente e ben sfruttato

Per fortuna se la nostra vita volge al termine, Transistor attiverà la pianificazione in automatico, permettendoci di vincere o quanto meno di limitare i danni. Come ogni RPG che si rispetti, a ogni aumento di livello verranno sbloccate abilità aggiuntive che possono essere equipaggiate sia in versione che in passiva, sia con abilità differenti. Inoltre possono anche essere utilizzate come power up per altre abilità andando di fatto a creare un quadro espansionistico – in termini di tipologie di attacco – veramente vario e divertente. Red potrà far innamorare di se i nemici, evocare famigli, attaccare da vicino o a distanza e persino teletrasportarsi, e questi sono solo alcuni esempi di quello che è possibile fare.

Insieme alle varie tipologie di attacco e combo, con il salire di livello verranno sbloccati piccoli malware in grado di offrire dei Malus al giocatore. Questi Malus renderanno l’avventura più difficile ma permetteranno di guadagnare maggiore esperienza e ricompense. Decidere con cura quali attivare e quando si dimostrerà la chiave vincente per una cresciuta del personaggio più veloce e pratica.

Transistor

L’arte diventa Sci-Fi

Il talento creativo di Supergiant Games è indiscutibile e Transistor lo conferma. Ogni pixel trasuda emozione e passione e l’atmosfera alla Blade Runner permea ogni istante di gioco. La trasposizione di un possibile futuro Sci-Fi è magistralmente orchestrata in ogni punto: la caratterizzazione dei personaggi, la trama, i dettagli tecnologici, i fondali: tutto ha vita, cuore e anima.

La protagonista ha accesso perfino a un antro virtuale in cui allenarsi, rilassarsi o pensare al significato della vita mentre si gode una buona musica.

Transistor

L’anima infusa a ogni NPC è perfetta e vitale, persino i nostri item di gioco (tutti col nome di funzioni da programmatore software) prendono vita nella nostra tana: ad esempio dopo aver evocato il primo famiglio – un cyber cane – esso occuperà uno spazio nella nostra casa virtuale, abbaiando e giocando a palla.

Difficile trovare un difetto a un titolo che come questo sa essere attuale anche oggi a distanza di quattro anni dalla pubblicazione. Forse obiettivamente possiamo ritenere l’avventura un po’ corta, sopratutto in virtu della cura del comparto tecnico in combattimento. Per fortuna gli sviluppatori hanno previsto una modalità “Recursion” a scontri procedurali disponibile una volta completato il gioco: a nostro avviso però non basta per toglierti l’amaro dalla bocca.

Transistor

Transistor e un piccolo capolavoro che tiene alto il vessillo di Supergiant Games, che già si distinsero con Bastion. L’atmosfera Sci-Fi è magistralmente trasposta in una trama ricca di colpi di scena che si sposa perfettamente con un gameplay ben sviluppato a metà tra action e RPG con elementi strategici. Perfetto praticamente in tutto si dimostra solo un po’ corto per i nostri gusti, anche se come molti altri indie, nel porting per Nintendo Switch vede fiorire tutti i suoi punti di forza come non mai.

Transistor – Recensione ultima modifica: 2018-11-22T07:00:58+00:00 da Matteo Cadeddu

Post Correlati

Reigns: Game of Thrones – Recensione

Reigns: Game of Thrones - Recensione

Reigns: Game of Thrones ci prende di peso e ci catapulta a Westeros, fra intrighi, tradimenti, Estranei e tanto, tanto freddo. Disponibile per PC, iOS e Android.

Project Hospital – Recensione

Project Hospital - Recensione

Project Hospital è il nuovo simulatore di "vita d'ospedale" sviluppato e pubblicato da Oxymoron Games. Disponibile per PC.

Escape Doodland – Recensione

Escape Doodland - Recensione

Escape Doodland è il nuovo platform a scorrimento dello studio indie Flukymachine, che ci propone un'avventura su dieci livelli in un mondo fatto a sketch. Il gioco è disponibile per PC e Nintendo Switch.

Lascia un commento