Steel Rats – Recensione
Voto 75

Steel Rats è un racing game che abbandona lo stile classico e si spinge oltre, integrando elementi action e platform che assieme formano un connubio quasi perfetto. Disponibile per PC e PlayStation 4

  Voto 75 good
Voto 0
Summary rating from user's marks. You can set own marks for this article - just click on stars above and press "Accept".
Accept
  Voto 0.0 bad

Steel Rats – Recensione

Steel Rats: Il connubio perfetto tra action, platform e racing game arcade.

In un’America distopica degli anni ’40, una banda di biker lotta per scoprire cosa sta succedendo al loro pianeta, che da un momento all’altro si è popolato di robot assetati di sangue e senza sentimento alcuno. In Steel Rats vestiremo i panni, per l’appunto, di una banda di motociclisti di Coastal City, una località suddivisa in cinque distretti sotto la morsa di piccoli e grandi robot meccanici che vogliono conquistare il pianeta. Iniziata la nostra avventura, avremo a disposizione solo un componente della squadra, motivo che ci spinge a girare in lungo e in largo Olbarrow per trovare gli altri membri e scoprire insieme l’origine di questa catastrofe.

Gameplay innovativo e divertente

Steel Rats è un titolo sicuramente originale che mescola elementi action, platform e racing, e che per questo richiederà al giocatore un impegno non indifferente per apprendere le meccaniche di base. Il gameplay è ovviamente basato sulle moto, non potremo infatti scendere da essa, bensì potremo utilizzare armi, abilità e mosse speciali per farci strada lungo le vie della città ed avvicinarci il più possibile alla sorgente di questo male. Ogni personaggio ha a disposizione un’abilità speciale, un’arma e un albero delle abilità da completare mano a mano che proseguiremo nel gioco. L’albero delle abilità è unico per ogni personaggio e potrà essere potenziato utilizzando la valuta di gioco, chiamata ferraglia, che potrà essere ottenuta distruggendo elementi ambientali oppure nemici.

Steel Rats

Il level design di Steel Rats è più complesso di quanto ci si possa immaginare. Il gioco si articola infatti in corridoi che hanno una profondità a più livelli e che ci obbligherà spesso a spostarci per evitare ostacoli o precipizi. La maggior parte degli elementi ambientali non permettono però interazione, ad eccezione di alcune automobili e tubi metallici che possono essere distrutti tenendo premuto il tasto X del pad e attivando quindi la ruota infuocata, che oltre a infiggere importanti danni, vi permetterà anche di avere un leggero boost in termini di velocità.

La ruota infuocata può essere usata per un tempo illimitato, mentre le varie abilità quando usate consumeranno energia, e quindi potranno essere utilizzate di nuovo solo dopo un breve cooldown, nel quale potremo decidere anche di cambiare personaggio per utilizzare la sua abilità per danneggiare ulteriormente un eventuale boss.

Per quanto riguarda le armi da fuoco invece, queste potranno essere utilizzate a patto di avere munizioni a disposizione, che potranno essere raccolte in alcuni punti strategici della mappa e che quindi dovranno essere utilizzate con parsimonia. Ogni singola arma o abilità è fondamentale, sono ad esempio presenti moltissimi nemici che sono più semplici da uccidere con la pistola, per altri basta la ruota infuocata, mentre per quelli più grossi è necessario utilizzare l’abilità speciale, evitando così di sprecare munizioni preziose.

Rigiocabilità interessante seppur non fondamentale

Per fare da cornice ad un gameplay abbastanza interessante, Tate Multimedia ha introdotto anche dei sistemi ad obiettivi, che andranno ad integrare ogni livello con delle sfide da completare, ognuna delle quali ci ricompenserà con ingenti quantità di ferraglia. Le sfide vanno dal semplice “completa in livello in x minuti” al “completa il livello senza perdere nessun personaggio” e questo va a costituire un buon elemento in termini di rigiocabilità.

Ci è capitato più di una volta, infatti, di voler riprovare un livello per toglierci lo sfizio di aver completato tutti gli obiettivi. Come se non bastasse, un altro elemento che segna il completamento al 100% di un determinato livello, sono i segreti, presenti in ogni livello, ma ben nascosti, tanto che molto spesso sarà necessario seguire dei percorsi differenti per localizzarli, e vi assicuriamo che non sempre è una cosa semplice da fare.

Come abbiamo già anticipato, Coastal City è divisa in cinque distretti, e in ognuno di questi saranno disponibili un discreto numero di livelli da completare. In ogni distretto, e più nello specifico, in ogni livello, oltre a distruggere robot e raccogliere ferraglia, dovremo anche risolvere semplicissimi enigmi, che il più delle volte serviranno per aprire passaggi, oppure per sbloccare ascensori. Alla fine degli scenari sono presenti anche delle boss fight, che per quanto semplici, regalano momenti intensi soprattutto per la grandezza del boss e per l’interessante lavoro artistico effettuato, anche se poi al netto di ciò, non risultano poi così complesse da affrontare.

Un aspetto che sicuramente non ci ha impressionati di Steel Rats è il comparto tecnico, che per quanto resti comunque piacevole da guardare, spesso e volentieri soffre di cali di frame rate. Non ci sentiamo di condannare gli sviluppatori per questo, dato che i cali sono decisamente rari e non influenzano il gameplay, mentre non possiamo tralasciare il fatto che alcune texture risultino davvero poco definite. Altro difetto è sicuramente una caratterizzazione dei personaggi dimenticabile, infatti speravamo in background più sostanziosi, o comunque su una trama più focalizzante, che rimane invece scialba e priva di personalità.


Steel Rats è un titolo senz’altro interessante che prova a portare qualcosa di nuovo, riuscendoci però solo in parte. Il gameplay è frenetico al punto giusto e grazie ad un level design ben curato, riesce a regalare divertimento ad ogni salto, senza però risultare mai memorabile. L’aspetto su cui focalizzarsi resta quindi il gameplay, che grazie agli obiettivi dei livelli, ai segreti, agli alberi delle abilità e al “farming” di ferraglia, garantisce una buona longevità e rigiocabilità. Non abbiamo apprezzato particolarmente il comparto tecnico e la trama, che sembra quasi un contorno superfluo, approfondito solo con qualche filmato sporadico. L’idea è quindi che Steel Rats sia un ottimo titolo platfom/action, ma che purtroppo non riesce a fare il grande passo e che probabilmente verrà trascurato da buona parte dei giocatori, nonostante sia un gioco divertentissimo e che quindi vi consigliamo.

Steel Rats – Recensione ultima modifica: 2018-11-16T08:00:24+00:00 da Giuliano Radut

Post Correlati

Reigns: Game of Thrones – Recensione

Reigns: Game of Thrones - Recensione

Reigns: Game of Thrones ci prende di peso e ci catapulta a Westeros, fra intrighi, tradimenti, Estranei e tanto, tanto freddo. Disponibile per PC, iOS e Android.

Project Hospital – Recensione

Project Hospital - Recensione

Project Hospital è il nuovo simulatore di "vita d'ospedale" sviluppato e pubblicato da Oxymoron Games. Disponibile per PC.

Escape Doodland – Recensione

Escape Doodland - Recensione

Escape Doodland è il nuovo platform a scorrimento dello studio indie Flukymachine, che ci propone un'avventura su dieci livelli in un mondo fatto a sketch. Il gioco è disponibile per PC e Nintendo Switch.

Lascia un commento