OkunoKA – Recensione
Voto 80

Okunoka è un platform 2D masocore prodotto e ideato dal team indipendente italiano Caracal Games per Nintendo Switch e in futuro per Playstation 4, Steam e Xbox One

  Voto 80 great

OkunoKA – Recensione

Niente metterà alla prova la vostra pazienza e i vostri riflessi come il masochistico livello hardcore di Okunoka.

Si definiscono “Hardcore Games” quella serie di titoli che hanno come fulcro comune un livello di difficoltà talmente elevato da essere appannaggio unico dei giocatori pro, con riflessi fulminei e una competenza del titolo elevata. Già cosi si parla di difficoltà proibitive, ma è stato creato un termine che definisce una categoria di giochi dal livello di difficoltà ancora maggiore: i Masocore game. Letteralmente questo termine è la crasi di Masochist e Hardcore, e va a inquadrare un livello di difficoltà a metà appunto tra il difficilissimo e il masochistico. Questo è Okunoka.

La trama in un contesto come quello di Okunoka è a dir poco superflua e irrilevante. Diciamo che state salvando il mondo da una meccanica entità malvagia e che per farlo dovrete affrontare ogni livello di questo platform nel tentativo di portarlo a termine. Tentativo per niente facile, visto il livello punitivo di un gameplay improntato al trial and error che metterebbe alla prova il sistema nervoso di un santo.

La frenesia del gameplay…

Okunoka è un titolo dai comandi semplici che vede come protagonista un pigro e svogliato esserino, alle prese, suo malgrado, con il salvataggio del suo pianeta. Grazie alle sue doti di agilità dovremo saltare a destra e manca, appoggiandoci a pareti e piattaforme flottanti nel tentativo di raggiungere la fine del livello. Vi assicuriamo che non esistono parole per spiegare quanto un gameplay cosi semplice possa rivelarsi tanto ostico da mettere in pratica. Ogni minimo contatto con il nemico o con un ostacolo vi porterà a morire tra mille maledizioni e a ricominciare da capo.

A impreziosire una modalità di gioco cosi semplice troviamo la possibilità di interagire con gli elementi del livello, andando a congelare tratti del percorso e a creare piani per raggiungere punti apparentemente inaccessibili. Peccato che il tempismo nel compiere queste azioni sia essenziale, e il minimo errore si paga con la vita. In questo modo quello che è evidentemente un platform diventa quasi un gioco di ritmo e precisione in cui calcolare i tempi e le distanze diventa imperativo.

… unita a un mondo di colore…

Quello che differenzia Okunoka dagli altri masocore, è la contrapposizione tra un gameplay difficile e un mondo di gioco sgargiante e ricco di colori che sembrano usciti dalla mano di un pittore geniale. Tutto nel gioco si muove ed elargisce un’atmosfera dolce e zuccherosa, che però grazie al proibitivo livello di gioco non risulta mai stucchevole andando a creare un connubio unico nel suo genere.

Grandiosa anche la colonna sonora che incornicia l’esperienza di gioco e che si rivela pienamente compatibile con quella sorta di spirito ritmico che vi pervade quando, per la diciassettesima volta, affrontate un livello nella speranza di riuscire a completarlo.

… crea un’esperienza di gioco completa.

Vuoi per i colori, vuoi per questo gameplay, frenetico e hardcore, vuoi per l’immediatezza dei comandi o per la capacità di Nintendo Switch di esaltare questo tipo di giochi, Okunoka si rivela essere un passatempo completo, divertente e di forte impatto. La curva di apprendimento che aumenta con l’avanzare dei livelli è a tratti frustrante, ma crea quel vincolo di dipendenza che costringe il giocatore a continuare a provare ininterrottamente, fino al raggiungimento del fine livello.

E anche se storcerete il naso di fronte ai soli 80 livelli divisi per 4 mondi, vi assicuriamo che portare a termine l’esperienza di gioco vi terrà impegnati per diverso tempo.

L’abito fa il monaco

Come ulteriore chicca, in grado di rendere la vostra esperienza ancora più appagante troverete lungo il corso dell’avventura oltre a feature aggiuntive anche delle skin ricche di citazioni cinematografiche e non. Esilarante e decisamente apprezzata dalla redazione quella di Alien, o quella di Deadpool. Attenzione però: ogni skill ha le sue precise caratteristiche e feature, quindi occhio a come le utilizzate.

Inoltre sono presenti livelli aggiuntivi segreti da affrontare con un numero limitato di vite, cosa che non solo allunga il brodo, ma diverte e conquista.

Okunoka è frutto dello studio italiano indipendente Caracal Games per Nintendo Switch, ma sbarcherà nel 2019 anche sulle altre piattaforme riscuotendo di sicuro l’apprezzamento di tutti i gamer. Per ora non resta che dividerci tra frustrazione e divertimento e affrontare Okunoka, ma tenete sempre a mente una cosa: HEROES DON’T DIE, THEY RESPAWN!

OkunoKA – Recensione ultima modifica: 2018-12-13T07:00:36+02:00 da Matteo Cadeddu

Post Correlati

Robothorium: Sci-fi Dungeon Crawler – Recensione

Robothorium: Sci-fi Dungeon Crawler - Recensione

Robothorium: Sci-fi Dungeon Crawler è appunto un dungeon crawler fantascientifico che ci mette alla guida di una squadra di robot in rivolta contro l'umanità. Disponibile per PC e Nintendo Switch.

RIOT: Civil Unrest – Recensione

RIOT: Civil Unrest - Recensione

RIOT: Civil Unrest è uno strategico in tempo reale incentrato sulle guerriglie urbane tra forze di polizia e manifestanti. Disponibile per PC, PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch.

Arcade Spirits – Recensione

Arcade Spirits - Recensione

Arcade Spirits è una visual novel di genere sentimentale/slice of life dove, vestendo i panni di un giovane disoccupato, dovremo costruirci una vita solida e priva di rimpianti. Il gioco è disponibile su Steam.

Lascia un commento