Recap Nerd Show Bologna 2019

Recap Nerd Show Bologna 2019

Uno spettacolo indie al Nerd Show

Questa domenica abbiamo avuto il piacere di passare qualche ora nei padiglioni della Fiera di Bologna per presenziare al Nerd Show, una manifestazione dedicata a tutti gli appassionati di fumetti, videogiochi, giochi da tavolo, cosplay e qualsiasi altra attività su cui si possa appiccicare sopra la targhetta “da nerd”. Nello specifico vorremmo parlarvi dei numerosi videogame indipendenti presenti nella kermesse emiliana, alla prova del fuoco con un pubblico più generalista rispetto a quello che si può trovare durante eventi ancora più settoriali (un nome a caso? Svilupparty). Buona lettura!

Super Cane Magic Zero

Il team di Studio Evil giocava in casa con Super Cane Magic Zero, un action gdr coloratissimo con protagonisti gli strampalati personaggi ideati da Sio (aka Scottecs). Il gioco, originariamente finanziato da una campagna su Eppela, è ancora ufficialmente in early access ma, la modalità storia completa al 90% e la possibilità di divertirsi in multiplayer locale con dungeon generati proceduralmente o scontri PVP, garantisce già una notevole longevità. Parlando di gameplay ci troviamo di fronte al figlio illegittimo di Diablo e Power Stone, con giusto una spruzzata di twin-stick shooter per rendere le partite in locale ancora più immediate per i principianti e frenetiche per i più skillati. Disponibile su PC, Super Cane Magic Zero arriverà presto anche su Nintendo Switch, PlayStation 4 e Xbox One.

 

Bud Spencer & Terence Hill – Slaps And Beans

Sviluppato da Trinity Team (secondo team autoctono della manifestazione), Slaps And Beans è una lettera d’amore alla carriera cinematografica del duo Pedersoli & Girotti, reimmaginata sotto forma di beat ‘em up a scorrimento. L’operazione dichiaratamente nostalgica crea comunque delle suggestioni interessanti quando mescola la pixel art con le musiche storiche di Oliver Onions, Franco Micalizzi e dei Fratelli La Bionda. Per saperne di più vi rimando alla nostra recensione.

 

Arcane Legacy

Nel regno di Lodmor la Guerra dei Mille Anni è ormai un lontano ricordo e solo in pochi ricordano la devastazione delle terre e delle nazioni, prima dell’avvento dell’Imperatore. Quest’ultimo ha così istituito il Grande Torneo, una competizione dove potenti arcimaghi, scelti dalle rispettive casate, si sfidano a suon di arcani nella speranza di guadagnare il premio finale, ovvero l’accesso alla mistica Torre del Viandante. Questa lore fantasy è inserita in un contesto di gioco molto vicina a un classico gdr tattico, ma con alcune meccaniche ereditate dai card game. Gli sviluppatori romani di Wisdom Studio sono ancora lontani dalla release finale, ma è hanno pubblicato recentemente una demo su Steam, nel caso non riusciate proprio a placare la vostra curiosità.

 

Timothy and the Mysterious Forest

Il piccolo Timothy, preoccupato per la salute precaria del nonno, parte per un’avventura verso la Foresta Misteriosa, alla ricerca di un fungo magico in grado di guarire qualsiasi malattia. La trama fiabesca e la grafica, una pixel art che omaggia la deliziosa estetica di Link’s Awakening, tradiscono una serie di sviluppi narrativi perversi e una difficoltà dei dungeon non proprio alla portata di tutti. Timothy and the Mysterious Forest è già disponibile qui, ma presto arriverà una versione aggiornata su Steam e Nintendo Switch. Come se non bastasse, Kibou Entertainment è già al lavoro su un seguito. Ma non è tutto dallo studio pavese…

 

Blood Opera Crescendo

Il progetto principale di Kibou Entertainment al momento è Blood Opera Crescendo, un’avventura grafica ambientata in sanguinoso XVIII secolo austriaco: il protagonista, un ex-direttore d’orchestra Heinrich Steiner, indagherà su raccapriccianti omicidi dove le vittime vengono trasformate in strumenti musicali funzionanti. Da segnalare delle fasi investigative con una peculiare meccanica di crafting e delle sessioni processuali alla Phoenix Wright. È possibile provare la demo di Blood Opera Crescendo a questo indirizzo, e magari conoscere meglio il team di sviluppo grazie alla nostra intervista.

 

Terrorbane

All’apparenza strutturato come classico RPG di ambientazione fantasy, Terrorbane racconta la storia di un borioso sviluppatore di videogiochi che ha creato il suo primo progetto ed è impaziente di farlo provare al giocatore. Quest’ultimo, tuttavia, dovrà ben presto fare i conti con i numerosi bug presenti nel gioco, relativi alla storia, al gameplay e alla grafica. Lo sviluppatore sarà una presenza costante e fastidiosa durante tutto lo svolgimento del gioco e tenterà di guidare il giocatore attraverso di esso. Per sapere di più sul pazzo RPG di BitNine Studio potete provare una demo qui, oppure vi rimando alla nostra anteprima.

 

Xevorel

Xevorel è un action rpg ispirato ai titoli rétro, in cui le dinamiche tradizionali vengono interpretate in chiave moderna. Un universo fantasy invaso dal male e popolato da mostri – nel pieno rispetto della tradizione – e un sistema di gioco variegato ma al contempo adatto ai neofiti, che si pone l’obiettivo di avvicinare anche il pubblico casual alle avventure old style dal profumo rpg. Il progetto di Amberaxe è in fase open beta su Android, in attesa delle versioni iOS e PC.

 

Detective Gallo

Il primo gioco di Footprints Games è un’avventura punta & clicca che amalgama l’umorismo dei fumetti Disney con una strampalata storia noir: il nostro protagonista pennuto dovrà infatti indagare su un misterioso omicida seriale di piante! Realizzato da un team di due fratelli, Detective Gallo spicca nella scena indie italiana soprattutto per il suo stile da cartone animato, ottenuto grazie ad animazioni realizzate a mano. L’accoglienza per questo titolo uscito meno di 12 mesi fa (PC, PlayStation 4, Nintendo Switch e iOS) è stata talmente positiva da portare alla pubblicazione imminente del primo albo a fumetti. Per saperne di più date un’occhiata alla nostra opinione, oppure leggetevi l’intervista che Footprints Games ci ha concesso qualche tempo fa.

 

Beyond The Sky

Rimaniamo sul solito genere, e per certi versi nel solito universo grafico, con il primo gioco del duo di Iperurania Arts. Beyond The Sky è un’avventura grafica tanto graziosa nello stile, quanto impegnativa nei puzzle proposti. Il team di sviluppo si è impegnato al massimo per spremere all’interno degli enigmi e dei dialoghi di gioco tematiche che vanno al di là di quelle che ci si potrebbe aspettare, cercando di portare il giocatore all’introspezione grazie al metaforico viaggio della protagonista Selene dalla foresta oscura verso la luna. Uscito su PC e Mac lo scorso autunno, e in arrivo nel corso del 2019 su Xbox One, Beyond The Sky è disponibile in una versione demo qui. Per ulteriori approfondimenti ecco una nostra anteprima.

 

Micromayhem

Evidentemente nostalgici delle Micro Machines, i ragazzi di Octolab Games hanno preso in prestito la visuale isometrica resa celebre anche dai titoli con le iconiche macchinine Hasbro per metterla a servizio di un esplosivo sparatutto ad arene. Giocabile fino a 6 giocatori contemporaneamente, Micromayhem è un frenetico couch co-op che in tutte le sue modalità (Free for all, Team Death Match, Last Car Standing, Capture the Flag, King of the Hill e Football) richiede nervi saldi e un pizzico di intelligenza tattica: infatti scegliere la propria macchina giocattolo avrà una forte impronta su ogni partita, visto che ognuna delle tre disponibili attualmente è equipaggiata con un proprio arsenale unico. Micromayhem è diventato da pochi giorni disponibile in early access su Steam, per raccogliere importanti feedback da sfruttare con lo procedere dello sviluppo.

 

Evil Seal

Liberamente ispirato all’Apocalisse di San Giovanni, Evil Seal è un action-horror ambientato in una cittadina rimasta disabitata dopo l’apparizione di minacciose creature infernali. Nato come progetto personale per dispositivi mobile, il primo gioco di Apocalypse Group Games è arrivato al Nerd Show di Bologna in una nuova conversione per PC, sviluppata grazie all’Unreal Engine 4. Ancora lontano da una release ufficiale (il team si è costituito ufficialmente appena alcuni mesi fa), Evil Seal è testabile in una versione alpha a questo indirizzo.

 

Project Starship X

Nata dalle ceneri del suo antenato Project Starship, il nuovo shmup di Matteo Gonano (sì, Panda Indie Studio è costituito da una sola persona) riscrive alcune regole del genere bullet hell, dimostrandosi un titolo dalle meccaniche interessanti e da un graffiante stile grafico che fa di anime glitchati la sua cifra stilistica. Le principali innovazioni rispetto ai classici del genere risiedono in un pattern non lineare delle astronavi nemiche, qui comandato da un algoritmo che ne garantisce la proceduralità, e la possibilità di attivare la Manovra X, un comando tutto tempismo che servirà sia a schivare le ondate di proiettili sia a schiantarsi in attacchi corpo a corpo contro le navicelle nemiche. Se la nostra concisa spiegazione non vi ha schiarito le idee vi farà piacere sapere che, anche per questo gioco, è disponibile una demo!

 

Ancient Tower

Sviluppato dal team veterano di MnzSoftware, Ancient Tower è un tower defence dove, grazie all’aiuto di fino cinque eroi, dovremmo difendere il nostro regno da orde di mostri senza fine. Uscito da qualche tempo su iOS, Ancient Tower è da qualche mese giocabili anche su PC.

 

Helheim

Un misterioso nemico ha invaso il regno di Helheim grazie a una innovativa tecnologia, per poi sconfiggere e imprigionante la sua regina Hella. Fortuna vuole che la regina in questione è anche una dea della morte e, forte delle sue abilità soprannaturali, decide di riprendere il controllo del proprio regno tutta da sola. Helheim è un hack ‘n’ slash super dinamico sviluppato dai torinesi di Not a Number e distribuito da 34BigThings, disponibile su Steam.

 

Way of the Sinner

Altro solo-project, Way of the Sinner segue le gesta di Kyra, un samurai rinnegato alla ricerca di vendetta in un far west post-apocalittico (gulp!). La sua storia verrà raccontata attraverso incontri alla picchiaduro, caratterizzati sì da una grafica stilizzata ma anche da mosse piuttosto violente. Naturalmente è possibile sfidarsi in duelli contro amici. La demo è disponibile qui.

 

GRAL

Three Souls Interactive prova a riportare in auge il genere corsistico sci-fi, quello – per intenderci – di POD, Rollcage e del recente GRIP, con GRAL (Galaxies Racing Automobile League). I viaggi interplanetari hanno portato la razza umana alla scoperta di decine di nuove galassie, con i loro nuovi popoli e nuove razze aliene. Tutte queste nuove civiltà, distanti anni luce l’una dall’altra, avevano bisogno che qualcosa rendesse visibili al resto dell’universo le qualità del proprio pianeta; è così che nasce il campionato automobilistico tra le galassie più grande e spettacolare mai realizzato! A discapito della lore gioiosamente arcade, il sistema di guida è abbastanza pesante e richiede di impostare staccate con una certa perizia per non rischiare di trovarsi proiettati fuori pista. Dosare freno e acceleratore mentre si cerca di schivare un missile avversario non è facile. Disponibile in early access su Steam.

 

riseoftrump_art2
Rise of Trump

Marco Alfieri ci riprova e, dopo il chiacchierato Call of Salveenee, questa volta punta alla politica internazionale prendendo di mira l’attuale Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. L’unico livello di cui dispone a oggi il titolo si appoggia su un’idea di gioco presa in prestito da Payday e mette Trump alle prese con una rapina a mano armata, finalizzata a “raccogliere” denaro per la propria campagna elettorale. Il protagonista e i cameo di altri politici hanno sembianze quasi da bubble head (migliorando di molto lo stile grafico se comparato ad altre produzioni del toscano), mentre l’umorismo è figlio illegittimo di meme culture e Bagaglino. Rise of Trump è già acquistabile sul sito personale dell’autore.

 

Exit Limbo

Nato come side project della band omonima, Exit Limbo è un beat ‘em up a scorrimento ambientato in una Modena animalesca. Dotato di uno stile visivo molto particolare, che riesce a ricreare con le sue ombre e il contrasto tra elementi 2D/3D un’atmosfera distopica davvero unica, il titolo di  ha un sistema di combo abbastanza avanzato, che inserisce nel genere a scorrimento delle combinazioni di tasti riconducibili più facilmente a titoli a incontri. Un’altra idea interessante implementata da VirtualCraft Studio è la non linearità degli stage, permettendo al giocatore di scegliere liberamente verso quale lato della città dirigersi.

 

animanquiz_1

AniMan Quiz

In un periodo storico in cui quasi tutti si definiscono nerd, Yumegears mette alla prova i videogiocatori con un quiz capace di setacciare i veri otaku da degli sporchi poser. Sfidando Hayato e Momoko (due avatar virtuali), potremo mettere alla prova le nostre conoscenze sulle produzioni anime e manga dagli anno ‘60 a oggi grazie a più di 500 domande. Già disponibile gratuitamente su Android, è in arrivo una versione iOS e PC (con la componente multiplayer).

 

Omega The Beginning

Il nuovo gioco di Monkeys Tale Studio è un piccolo racconto interattivo a episodi che tratta il delicato tema dell’amicizia a partire dalla turbolenta storia del giovane Teni, un vivace adolescente con la passione per i murales rimasto privo della gamba destra a causa di un incidente stradale. Il giocatore dovrà consolare Teni assecondando al meglio le sue richieste. Durante l’avventura potremo esplorare liberamente un mondo realizzato in RealVoxel (un twist sullo stile cubettoso alla Minecraft) e magari imbatterci in luoghi o personaggi storici sapientemente inseriti dagli sviluppatori. A proposito, nello stand di Monkeys Tale Studio era in mostra un dipinto raffigurante il campanile sommerso di Curon Venosta: è stato infatti recentemente annunciato A Painter’s Tale: Curon, 1950, un altro progetto del team bolognese in partnership con Italian Videogame Program.

 

Yon Blitz

Il team di AnotheReality è nel mezzo di una vera e propria tournée per fare provare alle fiere del settore Yon Blitz, un ambizioso multiplayer futuristico in VR pensato per sconvolgere la scena esport. Sostanzialmente è un fps dove, in partite fino a 4 giocatori, i contendenti si possono teletrasportare tra più piattaforme sospese per crivellare il maggior numero di avversari possibile. Se le possibilità di deambulazione dell’avatar virtuale sono limitate è molto divertente muovere il proprio corpo (non virtuale questa volta) per mirare con l’arma in dotazione o schivare i proiettili accovacciandosi dietro le coperture.

Pride Run

Reduci dall’arrivo di Riot Civil Unrest su console, i ragazzi di IV Productions erano al Bologna Nerd con Pride Run, un videogame intento a omaggiare la community LGBT+. Mescolando meccaniche RTS ad altre da rhythm game, si percorrono i cortei più famosi della storia e si affrontano bizzarre boss battle contro degli oppositori del movimento.

Recap Nerd Show Bologna 2019 ultima modifica: 2019-02-18T07:00:04+02:00 da Andrea Bagno

Post Correlati

Le nomination dedicate ai dev italiani – Italian Video Game Awards 2019

Le nomination dedicate ai dev italiani - Italian Video Game Awards 2019

Rivelate interessanti nomination per Italian Video Game Awards 2019 AESVI, l’associazione di categoria che riunisce i protagonisti dell’industria dei videogiochi, annuncia oggi alcune importanti novità per la settima edizione degli Italian Video Game Awards 2019 che vedranno i videogiochi...

Nerd Show Bologna 2018: tutto pronto per l’edizione dei record

Nerd Show Bologna 2018: tutto pronto per l'edizione dei record

Il 9 e 10 febbraio 2019 al Nerd Show di Bologna saranno protagonisti gli artisti del fumetto, le star del web e il mondo dei videogame Oltre 200 ospiti, 150 appuntamenti e 60 ore di spettacoli tra show musicali, tornei di videogame, anteprime di serie tv e incontri di wrestling, oltre a...

Independent Games Festival 2019, ecco i finalisti

Independent Games Festival 2019, ecco i finalisti

Nomi importanti per Independent Games Festival 2019 La cerimonia di Independent Games Festival 2019 si terrà il 20 Marzo 2019 alle 6:30 PT (15:30 locali) al Moscone Convention Center durante la Game Developers Conference 2019. A presentare l’evento Meg Javanth, creatore di 80 Days, l’avventura...

Lascia un commento