Parkasaurus – Anteprima

Parkasaurus – Anteprima

Parkasaurus è un simulatore di dinosauri all’ultima moda

Abbandonando il realismo (almeno in parte) per cercare di creare qualcosa di nuovo, WashBear ha realizzato un qualcosa di unico. Parkasaurus è si membro del genere classicone dedicato alla costruzione di parchi di divertimento, ma ha quel tocco di pazzia e scoperta che lo distingue da tutte le altre produzioni. Vediamo quindi perché dovreste seriamente dare un’occhiata approfondita a questo gioco, al momento ancora in accesso anticipato.

Aprire le porte al passato

Sebbene il progetto si trovi ancora in versione Alpha, sono molti i contenuti già fruibili e si capisce fin da subito la volontà degli sviluppatori nel voler creare un prodotto ricco e profondo. Ogni giornata nel parco viene spesa nel costruire nuovi recinti per i dinosauri, chioschi per cibo spazzatura, attrazioni scientifiche, decorazioni e zone relax. Insomma tutto quanto possa attrarre il maggior numero di visitatori possibile e mantenerli per più tempo all’interno della struttura.

I soldi guadagnati non sono incassati immediatamente, bensì vengono accreditati all’alba del giorno seguente. Un sistema di gioco in tempo reale che vede però in ogni fine giornata un momento di pausa per tirare le somme, studiare i grafici e pianificare l’andamento del parco. Abbiamo modo di assumere una variegata serie di membri staff, pronti a effettuare ricerche, mantenere sicura l’area, effettuare pulizie e così via. Ci sono poi varie videate alternative: una città dove acquistare cibo per i dinosauri oppure ad esempio un già molto complesso albero scientifico dove acquisire nuove conoscenze, come nuovi edifici per il parco.

parkasaurus

Molte forme e molti colori

I protagonisti di Parkasaurus sono ovviamente loro, i coloratissimi dinosauri che stanzieremo in appositi recinti per la gioia dei nostri visitatori. Ogni recinto deve essere pianificato con cura per dimensione, tipo di terreno, quantità d’acqua e tipi di rocce o vegetazione. Tutte queste scelte influiscono sul tipo di bioma assegnato alla zona, in un sistema flessibile e ultra immediato che è un fiore all’occhiello di questo indie. Ad esempio un manto erboso assegna il bioma foresta ma aggiungendo acqua sposteremo l’indicatore su foresta pluviale.

I dinosauri poi hanno bisogno di altre attenzioni, cibo in primis, ma anche privacy. Tutti questi fattori contribuiscono al livello di felicità degli animali e facendo un buon lavoro possiamo ottenere dei cuori, ulteriori bonus da spendere in un’apposita sezione. Per ottenere nuovi dinosauri possiamo mandare gli scienziati in missione attraverso portali e impiegare le loro abilità con un minigioco di scavo archeologico. Con i giusti reperti raccolti sarà possibile craftare nuove uova di dinosauro e aumentare la popolazione giurassica del nostro parco.

Perché simulatore all’ultima moda quindi? Sono previste una miriade di gadget, occhiali o cappelli per “vestire” le nostre star gigantesche e personalizzarne il loro look! Perché? …Perché no?

parkasaurus

Paraksaurus è un indie pulito, sia per concept che per realizzazione tecnica. Davvero poche sbavature e un gameplay solido già adesso. I contenuti possono solo aumentare e la curva di crescita è pensata con cura; i dinosauri partono cuccioli e poco a poco crescono assieme alle vostre finanze, facendovi affezionare. Mancano ancora alcune feature base, in primis la possibilità di mettere in pausa, ma siamo convinti non sarà un problema mettere un fiocco su questo ottimo lavoro.

Parkasaurus – Anteprima ultima modifica: 2018-11-05T07:00:43+00:00 da Matteo Gallo

Post Correlati

Fell Seal: Arbiter’s Mark – Anteprima

Fell Seal: Arbiter's Mark - Anteprima

Fell Seal: Arbiter's Mark rende omaggio ai classici GDR tattici Fell Seal: Arbiter's Mark è un GDR a turni di stampo classico che dopo una campagna su Kickstarter ha raggiunto l'Early Access di Steam. Il lancio del titolo completo è previsto per il 2019 ma è già perfettamente godibile anche nel...

Lost Paradise – Anteprima

Lost Paradise - Anteprima

Lost Paradise racconta due mondi sovrapposti, due generi coniugati e un grosso mistero: lo Stigma. Ambizione, questa è la parola che più è comparsa nelle nostre domande ai ragazzi di Stigma Studio, durante l'intervista che ci hanno gentilmente concesso alla Milan Games Week 2018. Lost Paradise...

Nimbatus – Anteprima

Nimbatus - Anteprima

Nimbatus: programmare, costruire, distruggere Sono tanti i ricordi che può far riemergere il semplice concept che fa da base a Nimbatus. Da una parte possiamo parlare di un gioco di costruzioni che presto però può mutare in un action a tema spaziale. La sua forma può ancora evolvere per...

Lascia un commento